• I veri viaggiatori sono anime libere che hanno la bellezza nell'anima ed amano le diversità. Partono leggeri come nuvole perché non hanno bisogno di bagagli. Tornano solo quando il loro cuore è pieno di emozioni.

#pic of the week

“IL SELCIATO DEL GIGANTE”, Irlanda


in inglese Giant’s Causeway, è un affioramento roccioso naturale situato sulla costa nord est irlandese a circa 3 km a nord della cittadina di Bushmills, nella contea di Antrim in Irlanda del Nord.

Esso è composto da circa 40.000 colonne basaltiche, formatesi da una eruzione vulcanica circa 60 milioni di anni fa, generalmente a base esagonale, ma non ne mancano anche a quattro, cinque, sette o otto lati. Le più alte raggiungono i 12 metri d’altezza, ma alcune, essendo situate su delle scogliere, si innalzano anche per 28 metri. Le formazioni visibili a occhio nudo sulla costa sono solo una parte del complesso, che prosegue anche nel fondale marino adiacente.

Il Selciato del gigante è stato inserito nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO nel 1986 ed è una riserva naturale nazionale dal 1987; attualmente è di proprietà del National Trust, che lo gestisce.

La leggenda più famosa e accettata riguardava il gigante Finn McCool, che avrebbe costruito un selciato per camminare fino alla Scozia per combattere un altro gigante, Benandonner. Una versione della storia narra che Finn cadde in un sonno profondo prima di andare in Scozia, perciò quando Benandonner venne per cercarlo, la moglie Oonagh coprì con un drappo il marito Finn e pretese di convincere il rivale che in realtà quello fosse il loro bambino. In una variante, avendo visto l’enorme stazza del nemico, è lo stesso Finn a dire alla moglie di preparare l’equivoco. In entrambe le versioni comunque, quando Benandonner vide la mole del “bambino”, pensò che il padre dovesse essere terribilmente gigantesco, e scappò a casa terrorizzato distruggendo il selciato per evitare di essere inseguito.

Altre storie meno diffuse vorrebbero che il selciato fosse stato costruito da un gigante innamorato per raggiungere la sua amata, che viveva in Scozia.

Dall’altra parte del Selciato, sulla costa scozzese, l’isola di Staffa ha le stesse formazioni basaltiche, specialmente nella grotta chiamata Fingal’s Cave.

 

“THE GIANT’S CAUSEWAY”, Ireland

is an area of about 40,000 interlocking basalt columns, the result of an ancient volcanic eruption.

It is located in County Antrim on the northeast coast of Northern Ireland, about 3 km northeast of the town of Bushmills. It was declared a World Heritage Site by UNESCO in 1986, and a National Nature Reserve in 1987 by the Department of the Environment for Northern Ireland. In a 2005 poll of Radio Times readers, the Giant’s Causeway was named as the fourth greatest natural wonder in the United Kingdom. The tops of the columns form stepping stones that lead from the cliff foot and disappear under the sea. Most of the columns are hexagonal, although there are also some with four, five, seven or eight sides. The tallest are about 12 metres high, and the solidified lava in the cliffs is 28 metres thick in places.

The Giant’s Causeway is today owned and managed by the National Trust and it is the most popular tourist attraction in Northern Ireland.

According to legend, the columns are the remains of a causeway built by a giant. The story goes that the Irish giant Finn MacCool was challenged to a fight by the Scottish giant Benandonner. Fionn accepted the challenge and built the causeway across the North Channel so that the two giants could meet. In one version of the story, Fionn defeats Benandonner. In another, Fionn hides from Benandonner when he realises that his foe is much bigger than he. Fionn’s wife, Oonagh, disguises Fionn as a baby and tucks him in a cradle. When Benandonner sees the size of the ‘baby’, he reckons that its father, Fionn, must be a giant among giants. He flees back to Scotland in fright, destroying the causeway behind him so that Fionn could not follow. Across the sea, there are identical basalt columns (a part of the same ancient lava flow) at Fingal’s Cave on the Scottish isle of Staffa, and it is possible that the story was influenced by this.

Drop a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *